La logica dei complimenti.

I complimenti e le offese spesso restano impressi nella nostra mente per anni… a volte decenni o anche per tutta la vita. I primi stanno lì a ricordarci che siamo esseri amabili, speciali, con delle caratteristiche piacevoli e uniche, mentre le seconde, ovvero le offese, anch’esse rimangono accuratamente conservate nelle stanze dei ricordi, e non di rado creano in noi complessi d’inferiorità che altrimenti non sarebbero mai sorti. Le offese ricevute in passato hanno il potere di sferrarci colpi bassi anche a posteriori, avanti e avanti nel tempo… deprivandoci in misura variabile di quel tanto prezioso amor proprio che dovremmo tutti legittimamente provare per noi stessi.

Le sensazioni di impotenza causate dalle offese, una volta sedimentate nella nostra mente, ci deconcentrano anche rispetto al perseguimento dei nostri obbiettivi di vita, allontanandoci da noi stessi e da quello che è il nostro immenso potenziale. Tutto questo fino al benedetto giorno in cui la sofferenza provata, giunta all’estremo, dopo averci saturato corpo e anima, ci offre la possibilità di liberarci per sfinimento… consentendoci di dire basta e di resettare le nostre opinioni autolesive. E’ il punto in cui si diventa finalmente fieri di se stessi, ma sarà stato tutt’altro che facile o piacevole arrivare a questo traguardo.

Ed ecco perché è il caso di celebrare ciò che sta agli antipodi delle offese, ovvero: i complimenti🌺. Quelli che ci sono stati fatti negli anni, sono stelle che costellano di luce la trama della nostra vita! Si intessono nella complessa struttura della nostra identità, donando luminosità, facendoci provare e riprovare quella sensazione magica di gioioso orgoglio di noi stessi! Ma soprattutto rimangono impressi nel nostro cuore per un tempo indefinito… a volte per sempre.
I complimenti accendono sempre una luce di speranza in noi, e uno sommato all’altro contribuiscono senza che ce ne accorgiamo a formare la nostra autostima. Certamente da adulti consapevoli dovremo conoscere noi stessi il nostro valore, senza il bisogno di essere continuamente decantati dagli altri, ma questo più che un dato di fatto, rimane per la maggior parte delle persone un’aspirazione da manuale, poiché la considerazione altrui è un ingrediente che sì può anche mancare, ma che se manca si sente!
Gli apprezzamenti incoraggiano chi sta brillando nell’ombra a brillare un po’ di più, suggeriscono a qualcuno di non mollare e di portare pazienza mentre quasi nessun altro si sta accorgendo della sua esistenza…

Dire “bravo!” farà quasi sempre diventare qualcuno “più bravo”!

Un complimento è sempre un incoraggiamento!

Un incoraggiamento è una dimostrazione di fiducia.

Forse poi i complimenti più belli in assoluto sono quelli che apprezzano un dettaglio del dettaglio, facendo capire di non essere stati detti a caso, ma di esser stati formulati dopo un attento riscontro, dopo un piccolo o grande stupore circa una nostra/altrui particolare virtù.
E nel caso che un complimento fosse fittizio? Forse in fondo non importa granché… per chi lo riceve sarà sempre un piccolo dono d’amore, un segno “più” a controbilanciare i vari “meno”, una piccola gioia assegnata con gioia, un mattoncino di fiducia donato gratuitamente…

Un regalo espresso, inconsapevolmente impresso, per sempre. 🌺

Valentina Fiore

P_20180315_114751.jpg

One Reply to “La logica dei complimenti.”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...